piccole soddisfazioni - le regole della Rete

La rete non ha regole, eppure le ha. Innate ed autoctone: se non le rispetti, vieni escluso. 

Un esempio è il post di oggi di Luca Conti (che ringrazio ancora e spero abbia mai avuto un powerbook 12") a seguire una mia segnalazione di qualche giorno fa.

Luca ha chiesto un aiuto nell'identificare i software più interessanti legati a Twitter ed io, come molti altri, gliene ho segnalati un paio.  Luca è stato molto cortese e non solo ha segnalato alcuni nomi, tra cui il mio appunto, ma si scusato più volte con tutti quelli che non ha potuto citare. 

Chi glielo ha fatto fare? Nessuno, ma in Rete si fa così. 

La Rete vive di se stessa e del concetto stesso di rete: coloro i quali esaltano il concetto di Rete, di connessione o di relazione, sono poi coloro quali hanno maggiore successo. Google ne è l'esempio più efficace. Esistevano tanti motori di ricerca, ma Google lì ha soppiantati tutti proprio esaltando i siti che favoriscono il networking.

Allo stesso modo le persone che hanno più successo in Rete, come appunto Luca che è un blogger famoso, sono quelle sempre attente a dare in cambio qualcosa, a contribuire alla crescita della rete stessa nel suo insieme, a rispettare ed esaltare le sue regole.