l'experince è il marketing dei sensi

Comprate una macchina nuova. Ve la consegnano. Finalmente entrate. Qual'è la cosa che vi rimane più impressa? A me l'odore di macchina nuova.

Come d'altro canto mi sono sempre lamentato della plastica delle ultime BMW: misera.

Dice Seth Godin che è finita (nel 2005) l'epoca nella quale il marketing si costruiva sul prodotto; ora il marketing si è nel prodotto stesso.

E l'experience di utilizzo del prodotto che lo fa vendere. Perché il pubblico ha tanta voglia di parlare, di essere appagato e, perché no, di dare il giusto valore alle cose.

Tutto questo per dire che ho fatto un mini-sondaggio ed ho capito che l'iPad entusiasma chi c'è l'ha molto più di chi ancora lo deve avere. Ed ho capito anche perché.

É strepitoso al tatto.

La lavorazione è eccezionale, tutta questa superficie lucida e fredda nella mani, il satinato del retro… Non sto scherzando, non prendetemi per matto: è veramente bello da tenere in mano. E sono sicuro che i ragazzi della Apple lo hanno voluto espressamente così.

Ecco, questo vuol dire marketing integrato